La voce dei personaggi pubblici

LA VOCE DEI PERSONAGGI PUBBLICI

 

In che modo comunicano i personaggi pubblici?

La comunicazione è il fondamento della società umana, vale a dire che la società esiste in quanto i suoi componenti comunicano reciprocamente. Non comunichiamo soltanto a livello verbale ed intenzionale, ma anche (e soprattutto) a livello del linguaggio non verbale, relativo cioè ai segnali più o meno inconsapevoli che si accompagnano alle nostre parole.
Conoscete la regola del 7, 38, 55? Tranquilli, non stiamo dando i numeri …
7, 38, 55 sono i numeri emersi da una ricerca effettuata nel 1972 dallo psicologo americano Albert Mehrabian, uno dei massimi studiosi della comunicazione faccia a faccia. Secondo questa regola, nel trasferimento di un messaggio le parole hanno un impatto del 7%, la voce (nei suoi aspetti di: tono, tempo, timbro, ritmo, volume) del 38%, mentre il linguaggio del corpo (postura, direzione e movimento oculare, gesti) si carica di una percentuale maggiore, del 55%.  In sintesi, quando comunichiamo un messaggio, il nostro interlocutore riceve soltanto il 7% del contenuto verbale …. vi sembra incredibile, vero?

Al di la' dello schematismo numerico, c'è innanzitutto da dire che questa è una regola generale e deve essere interpretata in base al contesto. È chiaro che in una presentazione di un trattato scientifico in un convegno di astronomi, ad esempio, il linguaggio verbale avrà molta più importanza del semplice 7%. Come regola generale di comunicazione, Mehrabian ci ha voluto dire che l'efficacia di una comunicazione non si può rilevare solo sull’analisi della componente verbale, ma occorre analizzare la congruenza del linguaggio non verbale. Ad esempio, se alla frase “Ti voglio bene e mi fido di te” viene accompagnato un tono di voce dubbioso e un linguaggio del corpo incerto, cosa arriva all'interlocutore: le parole oppure il linguaggio non verbale?

Torniamo alla voce dei personaggi pubblici. Per prima cosa, i personaggi pubblici sono tali in quanto si riferiscono ad una platea molto ampia e variegata: i personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport si rivolgono ad un target ben preciso, i leaders politici hanno l'obiettivo di raggiungere il maggior numero di cittadini, di farsi comprendere dalla maggior parte di loro, di sollecitare una risposta in termini di nuovi comportamenti (come l’adesione a un programma).
E' fondamentale che oltre ad avere un'idea da comunicare, i personaggi pubblici sappiano trasferirla con efficacia usando un linguaggio preciso, incisivo e chiaro. L'ascoltatore deve poter comprendere fin dall'inizio che cosa gli si vuole comunicare e deve sentirsi coinvolto. Ciò significa che i personaggi pubblici debbono sempre considerare come un tutto unico inseparabile ciò che dicono, il modo in cui lo dicono e le persone alle quali si rivolgono.

I personaggi pubblici per riuscire nella comunicazione debbono entrare in relazione e conquistarsi la fiducia e la stima dei loro ascoltatori; debbono essere empatici e riuscire a far risuonare i sentimenti del pubblico dentro di loro, come se fossero i propri.

In conclusione, l'arma vincente nella comunicazione e nei rapporti in generale rimane sempre l'autenticità. Essere un modello di coerenza, recare in sé l'armonia tra ciò che si dice e il modo in cui lo si dice rappresentano l'unica strada per arrivare al cuore delle persone, e restarvi.



 

Clicca "Mi piace" se ti è piaciuto quest post